Comune di Reggio Emilia

Isola della musica

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                        




La Biblioteca Ospizio possiede circa 3500 CD di musica Pop, Rock, Jazz, Blues, Folk, Lirica, Classica e World music. E' possibile prenderne a prestito fino a 4 per volta. Il prestito dura una settimana, è gratuito e rinnovabile per altri 7 giorni.

Nell'Isola della musica sono consultabili i fascicoli dei principali periodici nazionali e internazionali, tra cui Amadeus, Blow-up, Mojo, Mucchio, Outsider, Rumore, Wire, una ricca bibliografia musicale e registrazioni di concerti e documentari musicali su DVD.

Un gruppo di lavoro composto da esperti dei vari generi musicali organizza mensilmente una vetrina tematica e compila  discografie dei più interessanti generi, autori e tendenze della storia della musica.
Aiutaci a migliorare la nostra offerta di musica: donaci i tuoi cd  che non ascolti più. Grazie!

(Se ti interessa approfondire o raccontare le tue passioni musicali consulta la sezione Ascoltando (e riascoltando). Per interventi, commenti, giudizi, suggerimenti e proteste scrivere a: Ascoltando e riascoltando).


 
CONSULTA IL CATALOGO DEI CD MUSICALI 
 
 
In primo piano









ARCHIVIO












































































Volunteers in San Francisco












 

 
Per la prima volta i Gang of four in concerto a Reggio Emilia!

Una buona occasione per ripercorrere la loro carriera.
 











 
 

La scena di Canterbury

dai Soft Machine a Rock Bottom: 1968-1974
 

















 

Donne in jazz

....Le regine del Jazz da Bessie Smith a Esperanza Spalding













 
Tanti nuovi Cd di musica classica.













 
MILESTONES

Miles Davis con John Coltrane