Comune di Reggio Emilia

''La percezione della rappresentazione''. Olivo Barbieri e Luca Panaro

Venerdì 27 gennaio 2012 – ore 17,30 - Sala del Planisfero

Gli artisti che utilizzano la fotografia trovano nel libro la forma più congeniale per articolare il loro progetto visivo. Le opere fotografiche che compaiono in una pubblicazione non solo documentano il lavoro ma spesso lo sostituiscono, veicolando il messaggio mediante i circuiti informativi. La diffusione della comunicazione televisiva e l'avvento delle tecnologie di matrice informatica hanno modificato la nostra percezione della rappresentazione, abituandoci a fruire una realtà cromaticamente alterata, che gli artisti hanno cercato di restituire accentuando la brillantezza e la saturazione delle fotografie. La riproduzione fedele di questi dettagli visivi diviene di fondamentale importanza nella pubblicazione a stampa, specie nel confronto con l'opera originale e il suo sostituto digitale che viaggia su internet. Oggi l'artista deve attrezzarsi di nuovi strumenti per far conoscere il proprio lavoro: il sito web personale diviene la fonte a cui attingere informazioni di prima mano sull'artista, le applicazioni digitali per tablet sono un nuovo territorio pronto per essere esplorato. A questa pulsione digitale corrisponde però un fenomeno di segno opposto, in questi anni si sta infatti riscoprendo il fascino del libro d'artista, dove l'immagine comunica attraverso la fisicità dei materiali e l'elevata qualità di stampa.