Comune di Reggio Emilia

Paolo Gubinelli (immagine 6)

Indietro Avanti
 
Andà me sun lassà a l’aqua ciara,
al lamped d’un vardà sensa resun,
‘me un buff che vègn dal nient al fiâ de l’ànema,
un fil che smàja e se desperd nel mund…
Oh öcc sensa ‘n umbria, bèj furm del cör,
nel möess ‘ na sielina dré del tund
ne l’aqua sua del ciar me sun cercâ.

Franco Loi




Mi son lasciato andare all’acqua chiara,
alla limpidezza d’un guardare senza ragione,
come un soffio che viene dal niente al fiato dell’anima,
un filo che si smaglia e si disperde nel mondo…
Oh occhi senza ombra, belle forme del cuore,
nel muoversi una lacrima dietro il piatto
nell’acqua sua del chiaro mi sono cercato.