Comune di Reggio Emilia

Paolo Gubinelli (immagine 4)

Indietro Avanti
 
Nüm sèm gelus di biss che gh’èm scundü,
di biss che fèm murì e se fan crusta
de quèl che cume pùlver resta aj man…
..inscì se passum rent cume ‘ na früsta
che tàja l’aria ma se tègn luntan...
uh cume sèm gelus ne la paüra,
besius fen de la mort, de l’öcc d’un can,
e sèm gelus de la cuèrta scüra
in due se tègnum scund a smentegàss.

Franco Loi


Noi siamo gelosi delle bisce che abbiamo nascoste,
le bisce che facciamo morire e si fanno crosta
di ciò che come polvere rimane alle mani…
… così ci passiamo accanto come una frusta
che taglia l’aria ma si tiene lontano…
ah come siamo gelosi nella paura,
vanitosi perfino della morte, dell’occhio di un cane,
e siamo gelosi della coperta scura
dove ci teniamo nascosti a dimenticarci.