Comune di Reggio Emilia

Paolo Gubinelli (immagine 1)

Indietro Avanti

Se curr, scighera e de ragnera i piopp
nel fàss negher i ramm d'òss di murun
ne la dispersa furma de la nott...
E gnanca un òm. Luntan un àrbur secch,
ramas'g ne l'aria e semper tera bassa
tra i sfris d'àrbur del Po, nel passa i stecch
di finestrin i facc vàrden chi passa...
Àn spaca i veder di ufficin a Lòd,
gh'è l'erba amô aj casaj e cume slassa
la tèra la se pèrd al trèm di röd
e ne la lüs `d'un'Adda d'acqua bassa...
L'e `me `fantasma el trenu ne la nèbia
e par che mai se riva ne la piassa
d'una stassiun gelada ne la nott
che par ghe sia pü tèra né speransa.

Franco Loi
Si muovono le mani morte dell’uomo che si accompagna
con le dita morte sul legno della chitarra,
si muovono le mani morte e morta la chitarra
dietro l’uomo di cera che tasta un legno da bara,
si muovono le mani morte del vecchio senza speranza
nel pensare niente nel niente del suo guardare,
l’uomo che nell’aria stenta la sua vita
e sembra lí morto ad accompagnare un morto.