Comune di Reggio Emilia

Inventari ed elenchi

Questa sezione presenta i fondi ordinati e condizionati per la conservazione riguardanti la storia locale nelle sue sfaccettature, in attesa di essere catalogati. Attraverso questa modalità di presentazione si dà la possibilità di accedere al patrimonio su richiesta diretta al responsabile della Fototeca.

FONDI DI ENTI, PARTITI, AZIENDE

Il fondo del Gabinetto Fotografico del Comune di Reggio Emilia (GF-RE) è stato riordinato, condizionato in buste idonee per una corretta conservazione dei negativi in bianco e nero e dei positivi (provini a contatto) ed è stato redatto l’inventario di consistenza che qui viene pubblicato per offrire all’utenza la possibilità di fare ricerca; l’inventario è stato infatti indicizzato per soggetti biografici e soggetti geografici. Il GF-RE documenta la vita istituzionale e sociale del Comune di Reggio Emilia dal 1965 al 1991.
Consulta e scarica gli inventari del fondo del Gabinetto Fotografico del Comune di Reggio Emilia :

 
          - Anni 1965-1979
          - Anni 1980-1991








Fondo del PCI-PDS-DS
Depositato dal Partito Democratici di Sinistra-Sezione di Reggio Emilia alla Fototeca nel 2000. Il fondo consiste di n.14.423 positivi; n.6.145 negativi; n.5 nastri magnetici; n.16 cliché di zinco.
Il fondo raccoglie immagini fotografiche relative a manifestazioni politiche del PCI, avvenimenti sociali, ritratti di membri del partito dal 1945 al 1990 circa a Reggio Emilia.





Fondo del Partito Socialista Italiano – Sezione di Reggio Emilia
Il dono della raccolta delle fotografie della Federazione socialista di Reggio Emilia è avvenuta per desiderio di Sergio Masini nel 2001. Le fotografie provengono in parte dalle redazioni dei periodici socialisti come “La Giustizia” (1945-1947); “Il Socialista Reggiano” (1947-1955); “Tempi Nuovi” (1956-1963); “La Giustizia” (1964-1966); “La Giustizia”(1967-1969); “Il Socialista Reggiano” (1970-1990;1992); “R80” (1982-1989); “La Giustizia” (1990-1992; 1994); “Avanti!” (1945-1980). Sergio Masini è infatti stato direttore e/o redattore responsabile delle diverse testate.



Fondo dell’Azienda Consorziale Trasporti di Reggio Emilia
Depositato dall’ACT nel 1995 il fondo consiste in positivi in bianco e nero di diverso formato
Il fondo raccoglie e documenta la storia e la vita dell’azienda dalla sua nascita al 1980 circa.  La pubblicazione di Magnanini, Giannetto, I trasporti pubblici a Reggio Emilia. Cent'anni, prefazione di Giuseppe Gherpelli, Bologna, Analisi 1985 è da considerarsi la guida alla consultazione dell’archivio.



Fondo Lombardini motori - Kohler Company
Il fondo, donato da Gianni Borghi, direttore della Lombardini motori, alla Fototeca nel 2009 consiste in circa 4.000 fotografie in bianco e nero e a colori di diverso formato dal 13x18 cm al 18x24 cm.
Il fondo documenta la storia e l’attività industriale dell’impresa reggiana dalle origini agli anni ottanta. 

Consulta e scarica gli inventari del fondo Lombardini-Kholer qui:
Inventario fondo Lombardini.PDF







FONDI DI FOTOGRAFI

Fondo Virgilio Artioli (1900-1986)
Il fondo dei negativi dello studio di Virgilio Artioli è stato donato alla Biblioteca Panizzi nel 1984 e consiste in circa 90.000 negativi su lastra di vetro alle gelatina bromuro d’argento di diversi formati. Il fondo comprende principalmente ritratti degli abitanti di Reggio Emilia e dintorni, ritratti sia singoli per formato tessera, sia di famiglia. Purtroppo i registri, che attestavano il nome e quindi l’identità dei soggetti ritratti, sono andati perduti. L’anonimato e la perdita dell’identità delle persone ritratte non sono state interpretati come elementi negativi da Christian Boltanski che nel 2005 ha utilizzato parte del fondo per dare vita a una coinvolgente opera site specific dal titolo Camminando, allestita all’interno della chiesa di San Carlo e lungo le strade del centro storico di Reggio Emilia nell’ottobre dello stesso anno.
Tesi di laurea di riferimento sul fondo Artioli: Giulia Serri, La contemporaneita’ dell’archivio fotografico: i ritratti di Virgilio Artioli rivisitati da Christian Boltanski, a.a. 2010/2011


Fondo di Lauro Bertani (1938-1997)
Acquisito dalla Biblioteca nel 2005 il fondo consiste in più di 1500 diapositive a colori diverso formato: dal 24x36 al 6x6 cm.
Lauro Bertani naturalista e fotografo, si avvicina alle tematiche ambientali. Molte sono le associazioni alle quali è stato iscritto e tra queste ricordiamo il CAI Reggio Emilia, il CAI Val d'Enza, il Cine Foto Club Montecchio, il GEB di Bibbiano, il Gruppo Micologico Franchi, la Pro Natura Val d'Enza, la Società Reggiana di Scienze Naturali.
Profondo conoscitore del nostro territorio, inizia una intensa attività escursionistica e di documentarista per gli aspetti legati alla flora e alla fauna oltre che all’ambiente della provincia reggiana.
Pubblicazione di riferimento: Bertani, Lauro, Lauro Bertani. Ricerca sulla flora reggiana, Bologna, Tipografia Compositori, 2005. 






Fondo di Franco Cigarini (1924-1982)
Depositato dagli eredi alla Fototeca nel 1997 il fondo consiste in 4.336 negativi in bianco e nero di diverso formato dal 24x36 mm, 6x6 cm al 6x7 cm.
Il fondo di Franco Cigarini documenta la vita politica della città e dell’attività del Partito Comunista Italiano sezione di Reggio Emilia dal 1966 al 1978. 





Fondo di Stanislao Farri
Acquistato dall’Amministrazione Comunale in diverse tappe il fondo di Stanislao Farri conta circa 80.000 pezzi ed è costituito prevalentemente da negativi in bianco e nero e a colori di diverso formato dal 24x36 mm al 13x18 cm. e da provini a contatto dei negativi.
Il fondo Farri documenta i beni artistici e architettonici della città e della provincia, lo sviluppo industriale dal 1960 al 1980 in particolare delle seguenti aziende: Max Mara, Bormioli, …
Inoltre comprende le ricerche a tema svolte dal fotografo durante la sua attività come la documentazione del Romanico nella provincia di Reggio Emilia, della pietra scolpita, del fiume Po e del paesaggio rurale, dei carri agricoli, delle maestà, ecc. Ricerche in gran parte sfociate in pubblicazioni. Il fondo Farri comprende anche le sue ricerche linguistiche sulla fotografia come le sperimentazioni della pellicola all’infrarosso, i riflessi, ecc.
Il fondo è in corso di inventariazione e ordinamento.



Fondo di Amanzio Fiorini (1884-1961)
Acquistato dall’Amministrazione Comunale nel 1980 il fondo di Amanzio Fiorini consiste in circa 30.000 lastre alla gelatina-bromuro d'argento in tre diversi formati 6x9 cm, 10x15 cm, 18x24 cm, circa 4.000 negativi 6x6 cm ed alcuni positivi.
Il fondo raccoglie e documenta l’attività di ritrattista di Amanzio Fiorini (Nismozza 1884- Busana 1961) nell’alto Appennino Reggiano.
Nel 1980 la Fototeca gli dedica una mostra dal titolo Amanzio fiorini orologiaio fotografo, a cura di Italo Zannier e Laura Gasparini, Modena, Punto&Virgola, 1980. Punto&Virgola era la casa editrice di Luigi Ghirri e Paola Borgonzoni Ghirri.



Fondo Vernon Richards (1915-2001)
Acquisito dalla Fototeca in più tappe dal 1998 al 2002, il fondo di Vernon Richards consiste in 3539 negativi 6x6 cm, 1432 stampe alla gelatina bromuro d’argento su carta baritata di diverso formato dal 13x18 al 30x40 cm, 84 diapo a colori 6x6 cm
Allegati al fondo sono conservati i menabò originali dei libri fotografici dell’autore editi dalla Freedom Press.
Catalogo della mostra tenuta dal 31 ottobre al 5 dicembre 2004: Un attimo di verità: Vernon Richards fotografo, a cura di Fiamma Chessa, Laura Gasparini, Massimo Mussini ; presentazione di Colin Ward, Reggio Emilia, Biblioteca Panizzi, 2004.




FONDI DI COLLEZIONI PRIVATE

Fondo Ivano Burani
Ritrovato all'interno del fondo di Corrado Costa, il fondo Burani riguarda immagini della città di Reggio Emilia. Consiste in 1558 fotografie in bianco e nero e a colori di vari formati che riprendono le vie, le piazze, i monumenti, di Reggio Emilia, soprattutto in vedute aeree e in scatti dall'alto da torri o campanili.
Il fondo è stato catalogato ed è consultabile sull'Opac della Fototeca.




Fondo Corrado Costa (1929-1991)
Corrado Costa è stato poeta, scrittore, autore di teatro e artista: un intellettuale poliedrico che ha saputo interpretare in modo del tutto personale l'avanguardia letteraria italiana e che ha segnato con la sua intelligenza e con la sua ironia un’intera stagione poetica. Nel ventesimo anniversario della sua prematura scomparsa, la Biblioteca Panizzi ha realizzato un strumento di consultazione e di ricerca che si propone come punto di riferimento fondamentale per quanti vorranno accostarsi al mondo poetico e letterario di Costa. Si tratta dell’inventario del suo archivio, donato alla Biblioteca Panizzi dai suoi famigliari, e della bibliografia dei suoi scritti. L’inventario consente ora di accedere alla ricca documentazione raccolta nell’archivio, in cui sono conservati i manoscritti e i dattiloscritti delle opere poetiche, letterarie e teatrali di Costa, sia edite che inedite, la sua corrispondenza ed una cospicua serie di materiali grafici e fotografici.





Fondo di Carlo Lucci (1911-2000)
La raccolta di fotografie dell’architetto Carlo Lucci (Firenze 1911 – Moggio Udinese 2000) è costituita da 1283 fotografie di vario formato dal 13x18 cm al 18x24 cm. Tra gli autori più significativi troviamo Italo Zannier e lo studio Villani di Bologna. Le fotografie si riferiscono ai lavori realizzati nel corso degli anni, sono suddivise in gran parte per opera architettonica realizzate da Lucci durante la sua carriera professionale. La raccolta fotografica è parte integrante del Fondo Lucci che consiste nella raccolta dei disegni tecnici, l’emeroteca e la biblioteca professionale.







Fondo di Sergio Masini
Il dono della raccolta delle fotografie di Sergio Masini, ispettore scolastico e di fede socialista, consiste in 4 album fotografici rispettivamente dal titolo Scuola e lavoro di Cavriago, 1939-1949-XVIII, Il lavoro nella scuola, Documentario del corso “Concia pelli” tenuto a Casina- Capoluogo nei mesi di gennaio e febbraio, 1943-XXI e Documentario degli esperimenti di lavoro agricolo e 50 fotografie di vario formato relative all’attività didattica scuola-lavoro con le scolaresche della provincia di Reggio Emilia, in particolare dell’Appennino.


Fondo di Nino Prandi (1895-1991)
Nell'archivio dei documenti e del carteggio di Nino Prandi donato alla Biblioteca Panizzi è conservato un nucleo di 120 fotografie di diverso formato relative alla storia dei Socialisti reggiani dalla fine dell'Ottocento alla fine della secondo conflitto mondiale.






Fondo Paolo Vecchi
Depositato in fototeca da Paolo Vecchi tra aprile 2000 e aprile 2002, il fondo consiste in 8.086 positivi e 162 negativi in bianco e nero. Si tratta di fotografie dai set cinematografici relative a film di produzione italiana e straniera raccolte dal critico cinematografico durante la frequentazione dei festival cinematografici nazionali ed internazionali.