Comune di Reggio Emilia

2009 - Dal muto al sonoro: il cinema a Reggio negli anni Venti e Trenta


Tra le raccolte di storia locale della Panizzi, è conservata un'ampia documentazione sulle origini del cinema a Reggio.
                                                                                                                                      
Si tratta di una raccolta quasi sistematica di locandine, avvisi e volantini che consentono di documentare nei dettagli tutte le fasi di sviluppo delle attività cinematografiche nella nostra città, dalle prime proiezioni effettuate con gli apparecchi Edison e Lumière nel 1896 all'arrivo degli ambulanti, dalla nascita delle sale fisse alla decisiva svolta del lungometraggio.

I materiali di questa raccolta sono stati utilizzati nel 1983 per realizzare la mostra C'era il cinema. L'Italia al cinema tra Otto e Novecento (Reggio Emilia 1896 - 1915), mentre gli avvisi cinematografici del periodo 1910 - 1915 sono consultabili nel catalogo speciale Manifesti cinema.

Allo scopo di arricchire e integrare questa raccolta, la Biblioteca Panizzi ha acquisito recentemente un interessante nucleo di 180 locandine e avvisi cinematografici degli anni Venti e Trenta relativi alla programmazione del cinema Radium, inaugurato nel 1909, del Cine-Teatro Boiardo, aperto in città nel 1915, e del cinema D'Alberto, aperto sotto i portici di San Pietro nel 1926 .

La documentazione permette di analizzare uno dei periodo più interessanti della storia del cinema, quello che segna il passaggio dal muto al sonoro.