Comune di Reggio Emilia

Manifesti teatrali

Le due principali raccolte di manifesti e avvisi teatrali conservati in Biblioteca appartengono per lo più a due fondi: la “Raccolta Drammatica Curti” e la “Raccolta teatrale Eugenio Rossi”.
La consultabilità degli originali appartenenti a questi fondi prevede la consulenza del bibliotecario referente (Chiara Panizzi) che valuterà le modalità di accesso in base al formato e allo stato di conservazione dei documenti.

Raccolta Drammatica Enrico Curti
Oltre ai libretti teatrali, alle scenografie, ai ritratti e ai manoscritti, la Raccolta Curti comprende quasi 9.000 avvisi, manifesti e fogli volanti relativi agli spettacoli teatrali che si sono svolti a Reggio dal XVII al XIX secolo, ordinati cronologicamente per teatri. Allo scopo di definire una metodologia di catalogazione automatizzata dei manifesti teatrali di questa raccolta, è stato realizzato un catalogo sperimentale on-line (Manifesti teatrali) di circa 1.400 manifesti. 
Per la consultazione dei documenti originali presso la Biblioteca è necessario fare riferimento alla collocazione indicata nel catalogo on-line.

Raccolta teatrale Eugenio Rossi
Il fondo Rossi è essenzialmente costituito da oltre 9.000 manifesti ed avvisi, ordinati cronologicamente dal 1808 al 1916 e suddivisi per teatri e per compagnie in 909 nuclei. Il periodo più documentato è quello degli anni 1900 - 1916 che conta oltre 8.000 i manifesti, mentre sono meno di un migliaio quelli compresi tra il 1808 e il 1899. Particolarmente significativa è la presenza nella Raccolta di avvisi relativi agli spettacoli popolari: dal circo al cinema, dai divertimenti pubblici alle esposizioni di curiosità scientifiche, dalle gare sportive alle attrazioni di piazza.
Di questa raccolta è consultabile un inventario in formato pdf, nel quale di ogni manifesto sono registrati: la collocazione, la data dello spettacolo, il nome della compagnia teatrale, il titolo dell'opera rappresentata, il nome dell'autore dell'opera, il teatro sede dello spettacolo ed eventuali note.
Per la consultazione dei documenti originali presso la Biblioteca è necessario fare riferimento al nome del fondo (Racc. Rossi) seguito dalla numerazione indicata nella prima colonna dell'inventario.