Comune di Reggio Emilia

La via italiana alla biblioteca pubblica | sabato 1 dicembre

 
  ​  
   
  sabato 1 dicembre | ore 11.00
Sala del Planisfero - Biblioteca Panizzi


Biblioteche come presidi di democrazia​
La via italiana alla biblioteca pubblica
storia e prospettive di un'istituzione democratica


Riflessioni intorno al libro "Le biblioteche nell’Italia fascista" di Carlo De Maria (Biblion edizioni, 2017)

Con Carlo De Maria, autore del volume
Antonella Agnoli, consulente bibliotecaria
Nico Giberti, sindaco di Albinea e Coordinatore della Consulta degli Amministratori per le biblioteche
 
 

L’attenzione inedita che il fascismo dedicò a tutte le biblioteche – da quelle governative, a quelle comunali e provinciali, fino alle minuscole “bibliotechine” scolastiche e rurali – trova una precisa ragione nella complessa «funzione nazionale» che a esse veniva assegnata, nella quale si sommavano motivi di prestigio, di formazione culturale e di controllo sociale. Per molti versi, il governo fascista accolse per la prima volta esigenze ampiamente sentite dagli operatori delle biblioteche italiane, confermando una volta di più la necessità storiografica di riflettere sulle esperienze professionali delle élites tecnico-specialistiche e sul loro rapporto con la politica durante il ventennio fascista. Negli anni Trenta la riorganizzazione delle biblioteche popolari e il nuovo impulso dato alle soprintendenze bibliografiche delinearono “una via italiana alla biblioteca pubblica”, che rimaneva, tuttavia, inevitabilmente staccata da ogni idea di autonomia locale, allontanando drasticamente l’esperienza italiana dal modello anglosassone della public library.
Dalla ricostruzione della politica bibliotecaria durante il fascismo, nascono spunti di riflessione sul ruolo delle biblioteche come istituzioni profondamente coinvolte nei processi culturali e sociali di una nazione, ieri come oggi.

     
  Ingresso libero
 
 
   
info Biblioteca Panizzi
via Farini 3, Reggio Emilia
tel. 0522456084
www.bibliotecapanizzi.it